Zanzare infette, Fratelli d’Italia denuncia: che fa il Campidoglio?

”Dopo i primi casi di Anzio la scorsa settimana, la malattia infettiva Chikungunya trasmessa dalla puntura di zanzare infette, le stesse che trasmettono la febbre gialla e la dengue, giunge a Roma contagiando quattro persone e creando la preoccupazione della cittadinanza. Ciò che lascia sorpresi in un frangente come questo, è che l’amministrazione capitolina ancora non abbia provveduto ad attivarsi con una congrua disinfestazione in grado di abbattere la possibilità di nuovi contagi”. Lo dichiara in una nota Francesco Figliomeni, consigliere capitolino di Fratelli d’Italia. “Per questo motivo sollecitati da alcuni cittadini – dice – abbiamo provveduto questa mattina a presentare un’interrogazione al sindaco Raggi per farle portare l’attenzione su questa malattia virale che, sebbene solo in casi molto particolari presenti esiti fatali, crea non pochi problemi per la salute delle persone”. “Abbiamo chiesto di intervenire tempestivamente adottando un piano straordinario di disinfestazione per bonificare le aree della Capitale, istituendo inoltre con urgenza un protocollo specifico con le Asl, il Servizio Regionale per l’Epidemiologia e Malattie Infettive della Regione Lazio oltre che del Ministero della Salute, con l’obiettivo specifico di capire quali misure adottare immediatamente per scongiurare ulteriori diffusioni”, conclude Figliomeni. Intanto è guerra tra regione e comune: ”In merito alle disinfestazioni necessarie per contenere i contagi da Chikungunya, nella tarda serata di ieri, e con grande ritardo, la Regione Lazio ha convocato Roma Capitale scegliendo stranamente di comunicarlo a mezzo stampa”. Lo dichiara l’assessore capitolino alla Sostenibilità ambientale, Pinuccia Montanari. Ma la regione replica: ”In merito alle dichiarazioni dell’assessore comunale Montanari sui presunti ritardi di intervento della Regione Lazio rispetto ai casi di Chikungunya, è corretto precisare che l’8 settembre alle ore 13.26 l’Asl Rm2 inviava via Pec al Comune di Roma una richiesta urgentissima di disinfestazione sul territorio”. È quanto dichiara in una nota Alessio D’Amato, responsabile della Cabina di Regia della Sanità alla Regione Lazio, al termine della riunione con Ministero della Sanità, Istituto Superiore di Sanità, Comune di Roma e le Asl sui recenti casi di Chikungunya.