Vogliono comandare a Roma: coppia si bacia davanti la moschea, islamico li prende a calci

Una coppia si bacia castamente per strada: sono mano nella mano, si avvicinano placidamente e le labbra si sfiorano appena. La scena, che sarebbe passata inosservata a chiunque – abituati ormai a decisamente di peggio – non è sfuggita a un islamico sul piazzale davanti alla moschea di Roma, il quale s’improvvisa giustiziere e difensore dei costumi coranici che non dovrebbero dettare legge a chi, in quei valori, non si riconosce per storia, credo e appartenenza geopolitica.

Islamico aggredisce coppia che si bacia davanti la moschea

Ma tant’è: secondo quanto riportato nell’edizione digitale odierna di Libero, la coppia, ignara di quanto stava per accadere, si abbandona a un fugace bacio di fronte il luogo di culto islamico nel quartiere Esquilino di Roma, quando uno dei suoi fedeli, un immigrato malese 24enne, scatta furiosamente contro i due fidanzati ammonendoli a suon di urla sul fatto che «non ci si bacia davanti alla moschea». I due, logicamente interdetti, sono rimasti piazzati e forse ancor più increduli quando il giovane straniero, non pago dell’aggressione verbale, si è incamminato furioso verso i due arrivando a prendere a spintonate lei e a calci lui. Fortunatamente, come resocontato dal quotidiano diretto da Vittorio Feltri, la bagarre ha attirato l’attenzione di due carabinieri che stavano pattugliando l’area, tempestivamente intervenuti a sedare gli animi (e l’aggressione). E così, il giovane, ancora infervorato, è stato arrestato con l’accusa di lesioni e resistenza a pubblico ufficiale, non prima, però, di aver provato a mettere le mani addosso anche ai due militari.