Vigile del fuoco ucciso a Varcaturo, fermato un 78enne: la lite per motivi di vicinato (VIDEO)

Si chiamava Giuseppe Palma il 41enne vigile del fuoco ucciso a colpi di pistola esplosi questa mattina a Varcaturo, località sul litorale del comune di Giugliano, in Campania, nel Napoletano. L’uomo è arrivato già privo di vita all’ospedale San Giuliano di Giugliano, dove i medici non hanno potuto far altro che constatarne il decesso. I carabinieri al lavoro sul caso hanno capito subito quale pista seguire per arrivare al colpevole che, nel giro di poche ore, è stato individuato e fermato: Palma avrebbe avuto una lite per questioni di vicinato.

Varcaturo, vigile del fuoco ucciso per motivi di vicinato

Il killer sarebbe un 78enne, da tempo in lite con la vittima per motivi di vicinato; un litigio in corso da tempo ma oggi degenerato in tragedia quando il diverbio è culminato nell’esplosione dei colpi di arma da fuoco che hanno ucciso Giuseppe Palma. Precedenti che hanno subito indirizzato le indagini, tanto che, nel giro di poche ore dal delitto, i Carabinieri di Giugliano e Varcaturo hanno dato seguito a un decreto di fermo del pm per omicidio a carico del pensionato, incensurato, di Giugliano. Nel corso dei rilievi i Carabinieri hanno trovato due ogive e, durante la perquisizione a casa dell’anziano, è stata trovata e sequestrata la pistola: il cerchio si è chiuso e il 78enne è stato portato nel carcere di Poggioreale a Napoli.