Usa, via alla costruzione dei prototipi del muro al confine con il Messico (video)

Quattro sono realizzati in cemento, mentre gli altri quattro in materiali “alternativi”. Parte la costruzione dei prototipi del muro fra Stati Uniti e Messico, come aveva promesso Donald Trump. Il governo degli Stati Uniti, ha rivelato il Customs and Border Patrol, l’agenzia Doganale e di protezione della frontiera, con un tweet, ha iniziato l’edificazione del muro che il presidente Trump vuole installare lungo il confine messicano partendo da otto prototipi di muro che avranno un’altezza variabile fra i 5,50 e i 9,10 metri, prototipi che, si stima, saranno pronti entro un mese.

Il cantiere nel quale inizierà la costruzione degli 8 prototipi del muro si trova lungo Enrico Fermi Road, parte su terreni privati e parte su terreni pubblici, in prossimità del passaggio di frontiera di Otay Mesacirca 3 miglia a est di San Diego. E una volta pronti i prototipi del muro saranno presentati al governo statunitense. Che ne valuterà l’efficacia con una serie di test, tra cui uno sulla resistenza alla perforazione con piccoli utensili.

In campagna presidenziale, Trump aveva promesso di costruire «un gran bel muro» tra Usa e Messico e sostenuto che la struttura verrà pagata dai messicani. Ma il governo messicano si è
rifiutato di partecipare alle spese.

A luglio i repubblicani della Camera dei Rappresentanti hanno approvato lo stanziamento di 1,6 miliardi di dollari per iniziare a costruire il muro, ma la richiesta non è ancora passata al Senato, dove si prevede una forte resistenza dell’opposizione democratica.

Secondo i calcoli, l’investimento avrà bisogno di più di dieci miliardi di dollari.