Violenze: Roma discute, la Lombardia stanzia 1,5 milioni in telecamere

Mentre i politici di Roma si interrogano su come fare a garantire la sicurezza ai cittadini dopo l’ennesima violenza nella capitale, la Lombardia ha già risposto con i fatti: “Con il provvedimento adottato oggi mettiamo a disposizione uno stanziamento di 1.500.000 euro per tutte quelle residenze assistenziali, strutture residenziali e semi residenziali, per anziani e disabili, presenti sul territorio regionale, che presenteranno richiesta di contributo per l’installazione di un sistema interno di videosorveglianza”. Lo ha detto l’assessore al Welfare di Regione Lombardia Giulio Gallera commentando la delibera, approvata dalla giunta regionale lombarda di centrodestra. “Siamo stati la prima Regione d’Italia – ha rimarcato l’assessore – ad aver approvato una legge che mira a tutelare la sicurezza, il benessere e la dignità di anziani e disabili – ha rimarcato l’assessore – La nostra rete di strutture rappresenta circa un terzo di quelle esistenti in tutto il Paese. È facile pensare, quindi, che le altre Regioni guardino con attenzione l’evoluzione di questo importante provvedimento per poterlo poi replicare”. “Con questa misura che agirà come deterrente a episodi di maltrattamenti – ha precisato il titolare regionale della sanità – andiamo a elevare il già alto livello dei controlli che Regione effettua su tutte le strutture regionali per anziani e disabili, garantendo una sempre più efficace qualità dei servizi offerti”.