Somalia terra senza legge: 30 morti in scontri terroristi islamici-esercito

I miliziani somali islamici di al-Shabab, legati ad al-Qaeda, hanno attacco la base militare somala di Barire, che si trova a una cinquantina di chilometri a sudovest di Mogadiscio, capitale della Somalia. Lo ha reso noto un funzionario del governo somalo. I militanti hanno lanciato due attacchi dinamitardi contro la base e, a quanto sostengono, hanno ucciso 17 soldati somali. ”Due forti esplosioni sono state avvertite alla base nelle prime ore di oggi. Non abbiamo altre informazioni circa le vittime”, ha detto alla Xinhua una fonte del governo di Mogadiscio a condizione di anonimato. Successivamente si è appreso che sarebbero almeno 12 i soldati uccisi nell’attacco suicida  sferrato da al-Shabab. Lo ha reso noto il generale Sheegow Ahmed Ali ai media somali, spiegando che il terrorista islamico si è fatto saltare in aria a bordo di un’autobomba. Sono invece 18 i miliziani uccisi nella sparatoria seguita all’attacco. A entrare in azione è stato un terrorista suicida, che si è fatto esplodere poco dopo le preghiere del mattino. Ne è seguita una sparatoria tra soldati e militanti di al-Shabab, come ricostruiscono testimoni. ‘Gli al-Shabab hanno rivendicato l’azione attraverso la loro radio Andalus.