Siria, è esodo di massa di pastori e miliziani, evacuati dall’ultima enclave dell’Isis

venerdì 22 settembre 15:26 - di Redazione

Un esodo biblico: si parte con ogni mezzo e ci si dirige soprattutto nella provincia di Idlib, controllata dai ribelli. Sono centinaia i civili che nelle ultime ore hanno lasciato l’enclave controllata dal sedicente Stato Islamico (Is) nella Siria centrale, tra le province di Hama e di Homs, l’ultima roccaforte che era rimasta nelle mani dei jihadisti, dopo un accordo raggiunto tra il governo di Damasco e i miliziani. 

Siria, l’esodo di pastori e miliziani dall’ultima enclave Isis

A raccontare premesse e risvolti della grande fuga dalla regione centrale siriana di quelli che, per lo più, sarebbero pastori e contadini, sono gli attivisti dell’Osservatorio siriano per i diritti umani, precisando che i civili, al gran sparpaglio, sono giunti nella provincia di Idlib, controllata dai ribelli. Ad agosto l’esercito siriano, sostenuto dai caccia russi e dai miliziani di Hezbollah, hanno isolato l’enclave, l’ultima in mano all’Is nella Siria centrale. Ieri il regime e l’Is hanno raggiunto l’accordo per consentire ai miliziani dell’Is, alle loro famiglie e ai civili che lo volessero, di lasciare la zona e attraversare aree controllate dal governo per giungere in altre in mano a gruppi di insorti. Alcuni sono andati in zone in mano a Tahrir al-Sham, alleanza estremista di cui fa parte l’ex Fronte al-Nusra, a nord di Hama e a est di Idlib. Altri sono andati nei campi allestiti a ovest dell’enclave in zone in mano al governo, spiega l’Osservatorio. Incerti gli esiti di questa migrazione, come le effettive destinazioni finali di molti degli sfollati in marcia.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *