Salvini a Pontida: «Avanti senza soldi, la gente è in marcia con noi»

«Da oggi parte una lunga marcia per cambiare il Paese e andare al governo». Matteo Salvini parla a Pontida, ai militanti in occasione dello storico raduno annuale.  «L’anno prossimo – dice – saremo a Pontida con la Lega e il centrodestra al governo e con l’Italia che riparte nel nome del lavoro, della sicurezza e della democrazia. Qualche giudice che vuole fermare un partito o finire sul giornale, magari rispondendo agli ordini di qualcun altro, non può mettere il bavaglio a un milione di militanti».  A chi gli chiede come farà ora la Lega, dopo il sequestro dei conti: «Andiamo avanti senza soldi, aiutati dei cittadini. Chiederemo aiuto agli italiani», spiega ancora Salvini nel suo intervento il tradizionale raduno leghista, dove campeggia lo slogan “Salvini premier”.

Salvini:  «A Pontida ci siamo tutti» 

«A Pontida ci siamo tutti», anche Umberto Bossi, dice ancora il segretario della Lega, «ma nei momenti eccezionali parla uno». Quanto a Silvio Berlusconi, «non l’ho sentito, ma in questi giorni ho parlato poco al telefono». E su un incontro con il leader di Forza Italia a settembre afferma: «Può essere, siamo solo a metà mese». I referendum «sono una bellissima occasione non solo per i lombardi e i veneti, ma per tutta l’Italia, che può dimostrare di auto-gestirsi senza vincoli europei o romani».