Roma, tentato stupro al Pigneto. L’aggressore è un algerino

“Sto male, per favore aiutami”: con queste parole un algerino è riuscito a commuovere una donna, a farsi ascoltare da lei per poi aggredirla e derubarla. Così Il messaggero riporta la notizia dell’ennesima violenza contro una donna a Roma. La vittima abita al Pigneto,  ha 60 anni e vive con le figlie. L’aggressione si è verificata alle sei del pomeriggio, quando la donna è rientrata a casa dal lavoro. L’algerino era conosciuto in zona e vive di espedienti. 

Sono vicende che si verificano sempre più frequentemente, mentre non è dato sapere quali siano le contromisure messe in atto dal comitato per la sicurezza e dalla sindaca Virginia Raggi. Non è stato ancora assicurato alla giustizia il clochard che ha violentato una donna tedesca a Villa Borghese. Sembra dunque che la Capitale debba rassegnarsi a questo susseguirsi di violenza quotidiana.  

Di recente le telecamere di Mattino Cinque hanno documentato quanto possa essere pericoloso per una donna girare da sola nei dintorni della stazione Termini (dove è stata stuprata una turista finlandese) quando è buio. Degrado per le strade, lampioni spenti. Persone ubriache e uomini che tentano di abbordare le donne che rincasano.