Roma, il Consiglio di Stato boccia il ricorso dei centurioni: divieti legittimi

La V Sezione del Consiglio di Stato ha respinto l’appello contro l’ordinanza di Roma Capitale che ha disposto lo stop alle attività dei centurioni nel centro storico di Roma.

Un pronunciamento che dà ragione ai divieti decisi dalla giunta Raggi. Già il 2 agosto il Campidoglio aveva ottenuto una sentenza favorevole dal Tar del Lazio che aveva respinto l’istanza di sospensiva dell’ordinanza con la quale l’amministrazione aveva disposto il divieto in un’ampia zona, praticamente tutto il centro storico di Roma, “di qualsiasi attività che prevede la disponibilità di essere ritratto come soggetto di abbigliamento storico, in fotografie o filmati, dietro corrispettivo in denaro”. Il Consiglio di stato ha bocciato il ricorso d’appello. Secondo il Consiglio di Stato “il Comune ha basato il provvedimento adottato su esigenze di tutela del patrimonio storico, effettivamente non irragionevolmente valutate e certamente prevalenti rispetto alle esigenze di tutela esposte dai ricorrenti, ancorché di evidente rilevanza”.