Patente, le novità per gli automobilisti: ecco chi può mettersi alla guida

Ancora novità per gli automobilisti. A partire dal 6 ottobre anche chi è affetto da malattie ematiche potrà mettersi alla guida. È quanto prevede il decreto del presidente della Repubblica n. 139/2017, pubblicato in Gazzetta Ufficiale pochi giorni fa. Il testo considera infatti «la necessità di apportare modifiche all’ appendice II dell’articolo 320 del decreto del Presidente della Repubblica 16 dicembre 1992, n. 495», nel quale vengono elencate le malattie invalidanti, ovvero quelle «malattie ed affezioni che escludono la possibilità di rilascio del certificato di idoneità alla guida».

Patente di guida, la black list

Il decreto che entrerà in vigore dal 6 ottobre, elimina le malattie ematiche dall’elenco della patologie invalidanti, «in considerazione del progresso scientifico intervenuto sui nuovi strumenti di diagnosi e sulle nuove terapie per la cura delle malattie del sangue». Chi è affetto da malattie ematiche, dunque, non sarà più escluso dalla possibilità di rilascio o rinnovo della patente di guida. Tra le malattie che si possono trovare nella black list ci sono il diabete mellito, le malattie endocrine gravi, l’encefalite o sclerosi multipla, miastenia grave e anche l’atrofia muscolare progressiva. Divieto di guida anche per chi ha insufficienza renale, turbe psichiche o ad esempio malattie legate al sistema nervoso centrale o periferico.