Orrore a Roma: 57enne tedesca stuprata e legata a un palo a villa Borghese

Stuprata e legata a un palo. Abbandonata nuda e sconvolta all’orrore e alla violenza subiti e costretta a rimanere lì, sola e sofferente finché un tassista non l’ha intravista dalla strada. Il dramma si è consumato la notte scorsa, ma la notizia è trapelata solo ora. E la notizia – che mai e poi avremmo voluto dare a così breve distanza dall’orrore degli stupri di Rimini – è quella dell’ultima terrificante violenza sessuale perpetrata ai danni di una turista tedesca 57enne in pieno centro, all’interno del parco di villa Borghese a Roma. E quanto raccontato dal tassista che passando per viale Washington ha visto una donna nuda, legata a un palo per i polsi e alle caviglie, e con un fazzoletto in bocca che le impediva di urlare e chiedere aiuto è raccapricciante, ennesimo sintomo di un male endemico che sembra affliggere ormai in maniera cronica la nostra capitale.

Roma choc, stuprata e legata a un palo

La donna, legata a un palo, stuprata e lasciata nuda, ferita e sotto choc, è stata soccorsa dal tassista che ne ha intravisto la sagoma mentre era al volante della sua auto e che ha provveduto a farla soccorrere dall’ambulanza che l’ha trasportata all’ospedale Santo Spirito dove i medici hanno riscontrato i segni di una brutale violenza sessuale che, a quanto riferito dalla stessa vittima alle forze dell’ordine, sarebbe stata consumata a breve distanza dal palo dove la turista tedesca, nel Belpaese da circa sei mesi, è stata trovata legata mani e piedi, in evidente stato confusionale e con i segni delle sevizie sul corpo. Le ferite interiori, quelle che non vengono evidenziate da ecchimosi e lividi, saranno quelle più dure da far guarire.