Ora la destra tedesca fa paura: “Cambieremo la Germania”

Il primo a bandire la nuova “Crociata” contro la destra tedesca, a urne appena chiuse, è il grande sconfitto (insieme alla Merkel) di questa tornata elettorale: Martin Schulz. “Queste sono ore difficili ed amare, l’Spd difenderà il Paese dall’estrema destra, questo è il nostro  compito”.  Invece di fare autocritica, il capo degli ammaccati socialisti germanici grida “al lupo, al lupo”: è tipico degli esponenti politici in crisi. Accorato è invece l’appello della Merkel: “Vogliamo che i loro elettori tornino a noi”, l’ingresso dell’AfD in Parlamento “è una grande sfida”. 

La destra che ha vinto in Germania, sorprendendo tutti con il suo 13,2 %, comincia veramente a fare paura . Fa paura (anche al di fuori della Germania) l’idea che il più potente Paese dell’Ue sia investito da un potente vento “populista”. AfD, sottraendo voti ai maggiori partiti, ha sparigliato i giochi della “grande politica” germanica.

Ad alimentare l’avanzata della destra tedesca hanno certamente contribuito la crisi dei migranti e la rabbia per gli attacchi terroristici dell’Isis. AfD sembra decisa a imporre un nuovo stile politico e un nuovo, più intransigente, modo di fare l’opposizione in Germania. “Ce l’abbiamo fatta, siamo nel Bundestag e cambieremo questo Paese”, ha già dichiarato  il co-leader di AfD, Alexander  Gauland. “Il fatto che siamo il terzo partito più forte – ha  proseguito Gauland – significa che daremo la caccia al governo, daremo la caccia alla Merkel o a chiunque altro. E ci riprenderemo il nostro Paese e la nostra Nazione”.  Non meno battagliera è Alice Weidel, candidata premier della destra tedesca, che ha già annunciato una commissione d’inchiesta per indagare sulle violazioni che sarebbero state commesse da Angela Merkel nella gestione della crisi dei migranti.

A festeggiare è oggi anche Marine Le Pen, che dalla Francia parla del “risultato storico” di AfD e  scorge il “nuovo simbolo del risveglio delle nazioni europee”. 

Sarà dura per i partiti tedeschi tradizionali fronteggiare le offensive politiche della destra. Viene solo da ridere al pensiero che l’establishment politico europeo, che pensava di essersi liberato del “populismo” dopo l’elezione di Macron in Francia, veda rinascere lo stesso pericolo proprio in Germania, che tutti consideravano  il Paese più stabile d’Europa, tanto da prevedere un facile vittoria, per “noia”, di Angela Merkel. Non è andata così ed ora gli eurocrati contemplano il nuovo paradosso nel cuore del Continente. Sono le “astuzie della Ragione”, diceva un grande tedesco, Friedrich Hegel.