Niente direttissima per i militanti di Forza Nuova. Il Pm: «Convalidare gli arresti»

Verranno interrogati in carcere i quattro militanti di Forza Nuova arrestati ieri nel corso dei disordini in seguito allo sgombero di un alloggio popolare da assegnare a una famiglia italo-eritrea al Trullo. Tra gli arrestati c’è anche il leader del movimento “Roma ai Romani” Giuliano Castellino.

I militanti di Forza Nuova restano in carcere

Le accuse sono di lesioni, resistenza e percosse a pubblico ufficiale. Nel corso degli incidenti, tre appartenenti alle forze dell’ordine sono rimasti feriti. Questa mattina una ventina di militanti di Forza Nuova e del movimento “Roma ai Romani”, tra cui il fondatore di Fn Roberto Fiore, hanno preso parte a un sit in organizzato davanti all’entrata del Tribunale in attesa dell’udienza per direttissima, che non è stata però celebrata. La Procura di Roma ha deciso di procedere diversamente, chiedendo al gip la convalida degli arresti.