Meloni contro le pensioni d’oro: «Ricalcolare quelle sopra i 5mila euro»

«Io ho proposto e continuo a proporre un ricalcolo col sistema contributivo delle pensioni in essere che eccedono una determinata soglia, che per me sono 5mila euro». A dirlo è Giorgia Meloni, in un video messaggio inviato al Festival del lavoro dei consulenti in corso a Torino.

Meloni: «Le pensioni d’oro, oltre i vitalizi»

«In pratica, fino a 5 mila euro non si tocca niente, per la quota che eccede si verifica se hanno pagato i contributi. La nostra proposta è stata bocciata da tutto l’arco costituzionale, che ora sta proponendo un’iniziativa simile sul tema dei vitalizi», ha spiegato ancora Meloni. «Il tema dei vitalizi – ha aggiunto – è giusto affrontarlo, ma la nostra proposta riguardava tutte le pensioni d’oro e prevedeva il reimpiego delle risorse che si liberavano per aiutare le pensioni delle nuove generazioni».

La possibile stangata del 2019

Meloni, inoltre, ha sottolineato che «il tema delle pensioni è il più esplosivo perché avere nell’Italia di oggi persone che prendono 10-20-30-40-90mila euro al mese per le quali non ha neanche lontanamente pagato i contributi necessari, a fronte di persone che non prenderanno la pensione prima dei 70 anni e che se andrà bene la percepiranno al 40% delle ultime retribuzioni, è una cosa che grida vendetta». Una considerazione che la leader di FdI fa da tempo e che in questi giorni di stringente attualità per l‘allarme su una possibile ulteriore contrazione degli assegni per chi andrà in pensione dal 2019