Meloni: «Com’è buono il Pd… accoglie lo stupratore per motivi umanitari»

«Ragazza aggredita e violentata a Roma da un bengalese con permesso di soggiorno per “motivi umanitari”. Quanto è buono, comprensivo e accogliente il governo Pd». Poche parole di Giorgia Meloni per denunciare la politica dell’accoglienza “senza se e senza” ma di Palazzo Chigi  che si confemra complice dell’escalation di violenza nel nostro paese.

Meloni: quanto è buono il governo…

Dopo la notizia dello stupro nella Capitale Giorgia Meloni su Facebook è tornata a puntare l’indice sull’emergenza sicurezza e sull’immigrazione incontrollata. Numeri alla mano, nei giorni scorsi, la leader di Fratelli d’Italia ha dimostrato come l’impennata di sbarchi clandestini sia collegata al trend crescente di violenze sessuali e criminalità. Parole che, come quelle sul branco di vermi magrebini di Rimini, hanno scandalizzato la sinistra buonista e i cattivi maestri del Nazareno ma che esprimono alla lettera il pensiero di migliaia di italiani sempre più in balìa dell’insicurezza e della criminalità organizzata.

Salvini: attenti al permesso di soggiorno

Matteo Salvini, invece, commenta l’ennesimo stupro con un lungo post su Facebook. «Fatto: molti immigrati prima ottengono il permesso di soggiorno o il diritto d’asilo, poi commettono gravi reati (ultimamente prediligono lo stupro). Idea: responsabilizzare la/le persone che concedono il permesso di soggiorno o il diritto d’asilo. Come? Ogni volta che un immigrato commette un reato la/le persone che gli hanno permesso di stare in Italia perdono un mese di stipendio – propone il leader della Lega – vedrete che per magia le risposte negative alle “richieste di asilo” decuplicherebbero, a vantaggio nostro e degli immigrati onesti…».