Maëlys, tutto da rifare: rilasciati i 2 sospetti. Corsa contro il tempo per salvarla

Niente da fare: della la piccola Maëlys di appena 9 anni, scomparsa domenica scorsa durante i festeggiamenti di un matrimonio di famiglia, ancora nessuna traccia. Sembrava che la svolta fosse imminente; che dopo l’arresto di due uomini, amici tra loro e invitati entrambe alle nozze, il cerchio intorno ai due sospetti fermati e messi sotto torchio dagli investigatori potesse in qualche modo stringersi fino ad arrivare alla soluzione di questo giallo che, via via che passano i giorni, sembra infittirsi e girare intorno a una verità ancora lontana. Troppo.

Bimba scomparsa in Francia: rilasciati i due sospetti

Così, quando questa mattina si è diffusa rapidamente la notizia del rilascio dei due sospetti trattenuti in stato di fermo nel quadro delle indagini sulla scomparsa di Maëlys – di cui domani il calendario segnerà i 7 giorni dalla misteriosa scomparsa – un senso di angoscia, di sfiducia e di frustrazione ha attanagliato tutti coloro i quali – e sono tanti, la Francia tutta – seguono con apprensione la  sorte di questa ragazzina di cui non si hanno più notizie dalla notte tra sabato e domenica, quando ha partecipato ad un ricevimento di nozze a Pont-de-Beauvoisin, nell’Isère. I due uomini fermati e liberati oggi, ha precisato France Info citando fonti prossime al caso, sono stati rilasciati senza accuse a loro carico. E ora si riparte daccapo.