L’Isis diffonde audio di Al Baghdadi per dimostrare che è ancora vivo

Il sedicente Stato islamico (Is) ha diffuso un nuovo audio attribuito al leader Abu Bakr al-Baghdadi, sulla cui morte sono circolate voci in più occasioni, anche di recente. Ne dà notizia Site, il sito di monitoraggio delle attività jihadiste sui social media. L’audio, non datato, dura 46 minuti ed è stato diffuso da Furqan, braccio mediatico dell’Is. L’unico riferimento temporale certo, all’interno dell’audio, riguarda le minacce della Corea del Nord conto gli Usa ed il Giappone. Il titolo del discorso è rivolto ai seguaci di al Baghdadi che vengono esortati affinché «Il vostro Dio sia sufficiente come guida ed aiuto». L’audio, riferisce l’israeliano Haaretz, è stato diffuso attraverso la rete di informazioni di Isis, Al-Furqan. 

Il generale americano lo aveva detto: “Il Califfo dell’Isis è ancora vivo”

Il leader dell’Isis era stato dato per morto più volte. L’ultima, nel luglio scorso. Ma due settimane fa, il generale statunitense Stephen Townsend, che comanda le forze della coalizione impegnate nella lotta contro Daesh in Iraq e in Siria aveva ipotizzato il contrario. «Credo che sia vivo? Sì», ha detto Townsend a un’agenzia di stampa. Il generale ha quindi sottolineato che vi sono «alcuni indicatori nei canali di intelligence» che confermerebbero l’ipotesi. Ora la registrazione audio, con il riferimento temporale alle minacce della Corea del Nord a Giappone e Usa: un ulteriore elemento che lascia intendere che il Califfo sia davvero vivo e vegeto.