La Francia dà l’ok alla procreazione assistita gratis per lesbiche e single

Procreazione assistita gratis anche per lesbiche e single. Succede in Francia. Dopo mesi di dibatitti che hanno diviso l’opinione pubblica, il governo di Macron ha dato il via libera all’estensione della procreazione medicalmente assistita gratuita (finora riservata alle coppie etero) a tutte le donne, anche omosessuali e single, come parte della revisione della normativa in materia di bioetica prevista nel 2018.

Francia, via libera alla pma per le lesbiche

Lo ha annunciato con l’enfasi del pioniere il segretario di Stato per l’uguaglianza tra donne e uomini, Marlène Schiappa. E la notizia è subito rimbalzata sulla stampa  d’Oltralpe con inevitabili strascichi di polemiche. Schiappa ha assicurato che si tratta di «un impegno preso in campagna elettorale» da Emmanuel Macron e che sarà «mantenuto». In Francia, come in Italia, le tecniche anti-infertilità infatti per ora sono riservate esclusivamente alle coppie eterosessuali. L’apertura a tutte le donne (lesbiche e single) è una misura di «giustizia sociale», ha detto il segretario di Stato Schiappa, che aiuterà a porre fine a «una forma di discriminazione contro le donne lesbiche e non sposate e a una disuguaglianza tra coloro che hanno i mezzi finanziari per ricorrere alla Pma all’estero e coloro che non li hanno». Il boccino ora è nella mani del Comitato consultivo nazionale sulla bioetica che si esprimerà a giugno dell’anno prossimo, ma la Francia, ça va sans dire, «è pronta», ha dichiarato il ministro della Sanità Agnès Buzyn