Gli amici si fanno un selfie: dietro di loro un ragazzo annega nel lago

Il selfie è venuto bene, peccato che sullo sfondo uno degli amici stesse affogando: l’incredibile vicenda è accaduta in India, nel laghetto all’interno del tempio di Gundanjaneya, vicino Kanakapura. In quelle acque è morto il 17enne Vishwas. La sua testa che va giù è stata immortalata nella foto scattata dai suoi amici, che solo in seguito si sono accorti della scomparsa dell’amico e della traccia fotografica lasciata sul loro selfie. «Eravamo appena usciti dall’acqua per andare al tempio di Gundanjaneya – ha raccontato uno degli studenti alla stampa locale – Solo quando uno di noi ha rivisto i selfie che avevamo scattato si è accorto di aver ripreso Vishwas che stava annegando e così abbiamo avvisato subito il responsabile della scuola, il professor Girish, ma quando siamo tornati allo stagno era già passata un’ora e Vishwas non si vedeva più da nessuna parte».

Il corpo del ragazzo è stato rinvenuto dopo qualche ora, a seguito della denuncia presentata dai genitori. In India fra il 2014 e il 2016 ci sono state più di 70 morti a causa di maldestri tentativi di farsi un selfie.