Fazio ko anche contro il Grande Fratello. Ma la Rai difende il suo stipendio d’oro

Lunedì scorso l’unica voce controcorrente, rispetto alla grancassa mediatica che salutava il presunto successo di Fabio Fazio contro Gianni Morandi (non vero, sulla base dei dati medi dell’Auditel) era stata quella del Secolo d’Italia, nel giorno in cui il direttore generale della Rai, Mario Orfeo, utilizzava perfino i telegiornali per celebrare il finto successo del conduttore e la decisione di dargli uno stipendio da tre milioni di euro l’anno. Stavolta è Il Tempo a segnalare che la versione feriale, di “Che fuori tempo che fa“, andata in onda lunedì sera, ha fatto registrare un mezzo flop negli ascolti ed è stata battuta perfino dal Grande Fratello Vip, che ha toccato 35,4% di share, mentre Fazio si è dovuto fermato al 16,8%, picco toccato con l’arrivo di Maurizio Crozza.

Fazio e i dati di ascolto interpretati dalla Rai…

«La Rai però – scrive Il Tempo – legge i numeri in maniera diversa. Il colosso della comunicazione parla di “successo” e di “ottimo debutto” per Che fuori tempo che fa e vantano la percentuale, pari al 21%, di “share negli spettatori laureati”. Quasi a sottintendere di avere un pubblico ridotto ma più acculturato rispetto a quello di Mediaset». La stessa cosa aveva fatto la Rai anche lunedì mattina, quando aveva tenuto conto degli ascolti del prime time, un blocco di due ore, isolato da tutto il resto del programma, solo per poter rivendicare la vittoria di Fazio sulla fiction di Canale 5 con Gianni Morandi, L’isola di San Pietro, che invece – a costi notevolmente inferiori- negli ascolti medi dell’intera serata aveva superato l’edizione domenicale di “Che fuori tempo che fa“.