Fabio Fazio fa la vittima: «Guadagno solo 9 milioni di euro. E la Rai risparmia»

Accerchiato dai media e dai social sui suoi guadagni super, messo in imbarazzo dall’Anac che ha chiesto le carte dei suoi compensi, alla fine Fabio Fazio ha rilasciato un’intervista al Corriere della Sera per dichiarare lui stesso l’entità delle cifre elevatissime. “Due milioni e 240 mila euro l’anno, per quattro anni. Il totale fa 8 milioni 960.000; ma, non si sa perché, tutti i giornali hanno scritto 11 milioni e 200″. Povera vittima… Una “cifra molto importante” ammette: “Io ho naturalmente applicato lo sconto che mi ha chiesto la Rai” e “il programma è pressoché interamente ripagato dalla pubblicità. Come ha detto il dg, l’azienda risparmia”. A conti fatti “il programma costa, tutto compreso, 450 mila euro a puntata. La metà di qualunque varietà, molto meno di qualsiasi fiction“. Santo subito. 

Le polemiche e le smentite

Poi, Fabio Fazio dà una notizia inaspettata: il suo ritiro, in pratica, tra 4 anni, proprio allo scadere del super-contratto di “Che tempo che fa”. Dichiara ad Aldo Cazzullo: «Tre ore di parole la domenica sera, dove avranno voce Marzullo e, se ci riusciamo, i grandi scrittori del nostro tempo. E un’ora il lunedì sera alle 23.30, attorno a un tavolo più piccolo, alla francese, ospiti fissi Fabio De Luigi e Antonio Cabrini. Un altro esperimento. Ho un contratto per quattro anni. Poi basta». Come basta? Cosa farà?
«Vedremo. Magari il produttore». Nel corso dell’intervista Fabio Fazio ha smentito la notizia che era circolata e ripresa da tutti i siti che una sua autrice sarebbe stata in procinto di guadagnare più del direttore generale. «Ovviamente no. È falso. Ho sempre cercato e valorizzato giovani collaboratori, alcuni erano alunni e alunne dei miei corsi universitari. Di fronte alle calunnie, agli atteggiamenti sessisti e alla diffamazione non restano che le querele», aggiunge.