Bossi: con Silvio troveremo l’accordo. La mia Lega è ancora in canottiera

«Si troverà l’accordo con Berlusconi, a lui devo molto». Parola di Umberto Bossi che, dai microfoni di Tgcom24, parla del futuro del centrodestra. «Quando ho fatto il federalismo fiscale, Berlusconi ci ha dato i voti, e ce ne ha dati così tanti che Napolitano poi ha mandato via sia lui che noi, perché era per uno stato centralista, che però è fallito l’anno scorso con 100mila aziende che hanno chiuso».

Bossi: a Silvio devo molto

Il senatùr, nell’intervista in onda a “Fatti e misfatti e a Checkpoint, rispolvera la grinta di una volta parlando del referendum della Regione Lombardia: «Serve per togliere soldi a Roma», ha detto, «bisogna trattare di nuovo. E per ritrattare questa cifra ingente bisogna che passi il si  al referendum. Se i residenti decidono che la Lombardia deve prima curare il problema molto grave della deindustrializzazione, evidentemente Maroni ha le carte in regola per ritrattare la cifra di residuo fiscale». Poi ha spiegato che la “sua” Lega Nord, è ancora quella che porta ancora la canottiera, quella dura e pura insomma. Quanto alla Lega di oggi, Bossi incalza: «Tutta l’Italia sa da dove viene la Lega: sarebbe una scelta inutile e non accettata quella di togliere la parola “Nord” dal nostro simbolo.