Berlusconi insiste nella svolta pop: ora pranza in una birreria di Merano

Una birra davanti a un piatto di prodotti tipici dell’Alto Adige. Continua la svolta pop di Silvio Berlusconi. Dopo la sosta al McDonald’s di Segrate per una spremuta d’arancia e la  spesa all’Autogrill a pochi chilometri da Merano per comprare caramelle ai nipotini, il Cav si lascia immortalare sorridente e abbronzato (4  gli scatti pubblicati oggi sull’edizione on line del quotidiano Alto Adige) mentre brinda con un boccale di “bionda” al tavolo del “Forst”di Lagundo insieme a Margherita Fuchs von Mannstein, amministratrice delegata dell’azienda produttrice del noto marchio di birra altoatesino.

Il presidente di Forza Italia è ritornato ieri a Merano per completare il programma di remise en forme e la dieta disintossicante avviato  questa estate nella beauty farm di Henry Chenot. La nuova incursione nei luoghi simbolo dell’immaginario collettivo, raccontano, rientrerebbe in una precisa strategia comunicativa, soprattutto sui social, probabilmente in vista della discesa in campo del leader azzurro alle regionali e in preparazione della campagna elettorale  delle prossime politiche.

Anche stavolta Berlusconi veste semi-casual: scravattato ma con giacca blu e camicia azzurrina. Prima di entrare al ristorante per pranzare  con l’ad della ‘Forst’, l’ex eurodeputata azzurra Licia Ronzulli e la  coordinatrice regionale FI dell’Alto Adige, Michaela Biancofiore, l’ex premier è stato “pizzicato” dal fotografo con dei nuovi grandi  occhiali da sole, più moderni e alla moda rispetto ai modelli vintage sfoggiati in passato.

Quali saranno le prossime visite del Cavaliere? Dove si esprimerà ancora la sua svolta pop? Chi scrive gli propone questo tipo di luoghi: un mercato rionale o una fabbrica a rischio chiusura per delocalizzazione oppure un ospedale dove i pazienti devono attendere sei mesi per una TAC.