Attentato di Londra: ecco chi sono i 2 terroristi, immigrati accolti da coppia buonista (Video)

Le informazioni relative all’identità di Yahyah Farroukh, il 21enne arrestato sabato dalla polizia che indaga sull’attentato alla metro di Londra arrivano direttamente da Facebook. O meglio, dai media locali che citano le indagini a cui il profilo social di uno dei sospettati dell’agguato terroristico a un convoglio della metro ha dato ulteriori informazioni.

Attentato di Londra, ecco chi è il secondo arrestato

E allora, si apprende che Farroukh viveva a Stanwell, nel Surrey, in un’abitazione che è stata perquisita domenica dalla polizia; e le foto del giovane terrorista, della casa in cui viveva, squarci di una quotidianità spesa in quegli stessi luoghi che il miliziano stragista – arrestato sabato sera in un fast food di Hounslow –non avrebbe avuto remore a colpire, a sfregiare in nome dell’orrore islamista votato a spargere sangue del “nemico occidentale”. Senza pietà. Non solo: secondo quello che è stato identificato come il suo profilo Facebook, Farroukh sarebbe originario di Damasco e avrebbe studiato inglese al West Thames, nei pressi di Stanwell, anche se l’istituto, consultato dai media locali, non ha voluto confermare l’indiscrezione trapelata (ma neppure smentirla). Sul social network ha scritto di aver lavorato per una società che su occupa di eventi a Londra ed ha pubblicato alcune foto nelle quali compare con alcuni suoi famigliari, in posa di fronte ad un sito turistico della capitale britannica.

I due attentatori sono immigrati ospitati da 2 benefattori

Come un qualunque immigrato, come un turista curioso. E invece no: come drammaticamente noto, purtroppo, quello straniero approdato nel regno Unito era uno dei tanti jihadisti in erba pronto ad agire militarmente in quei luoghi, a infierire su quella gente che l’aveva accolto come moltissimi altri suoi connazionali, e con odio. Come dimostrato appena qualche ora prima di lui dal 18enne arrestato due giorni fa a Dover per la bomba nella metro a Parsons Green, a lungo ospite di Penelope e Ronald Jones, una coppia di anziani che nella loro abitazione di Subury-on-Thames, nel Surrey, negli anni ha dato accoglienza e un tetto a decine di ragazzi in difficoltà. Quegli stessi pronti a ripagare ospitalità e soccorso con il sangue innocenti di altri concittadini…