Atreju, Fabio Roscani è il nuovo leader dei giovani: “Saremo il peggiore incubo del potere” (video)

Ventisette anni compiuti a giugno, romano, sorriso ironico. Fabio Roscani è il nuovo leader di Gioventù nazionale, l’organizzazione giovanile di Fratelli d’Italia, eletto per acclamazione al termine del congresso ospitato nel villaggio di Atreju. Stordito (dalla “vittoria”?), poche ore di sonno, Fabio prende il testimone di Marco Perissa, e prima ancora di Giorgia Meloni,e affida a un post su Facebook le sue emozioni a caldo. “Ho fatto un conto alla fine di questa stagione congressuale: 11.832 chilometri in un mese e uno zainetto pieno di check in di aerei, biglietti del treno e anche di un traghetto. Gli scontrini degli autogrill neanche si contano più… Uno straordinario viaggio in ogni angolo d’Italia… Apro la galleria del mio Samsung e torno a viaggiare con la mente: fotografie di mari mozzafiato, montagne e città incantevoli. E poi tanti volti. Ognuno ha la sua storia e ognuno mi ha lasciato almeno una cosa da raccontare. In questa stagione congressuale di Gioventù nazionale non c’erano voti da prendere, ma era giusto farli tutti questi chilometri. Perché se si vuole rendere grande un movimento devi conoscerlo, devi guardare negli occhi chi ogni giorno gli dedica gli anni migliori della propria vita. Sì, perché nel tempo della socialità virtuale il rischio di perdersi è troppo alto”. Tipo tosto e determinato.

Come ci si sente a guidare il primo movimento giovanile di centrodestra?

Con una grande responsabilità sulle spalle. Per me è un grande onore, spero di esserne all’altezza . Da oggi daremo vita a questa nuova avventura per donare una speranza all’Italia. E questa generazione, non ho dubbi, sarà il peggior incubo dei curvi servi del potere, degli sfruttatori, dei mediocri, dei fatalisti e dei traditori della Patria. Quella che stiamo scrivendo è una incredibile pagina di storia della giovane destra italiana. Una generazione, e non solo il sottoscritto, si sta caricando la responsabilità di far continuare una storia, di non spezzare un filo, di raccoglierne il testimone, di tramandarlo ancora, di affrontare nuove sfide all’insegna di valori millenari. Abbiamo nemici potenti, lo sappiamo, alcuni invisibili come l’indifferenza, l’egoismo, l’alienazione, che ti tolgono l’anima. Altri che invece sono ben visibili, come la droga, la criminalità la disoccupazione, il materialismo. Contro tutto questo la nostra generazione combatte una guerra silenziosa ogni giorno e ha bisogno di qualcuno che rappresenti un’alternativa. Un esercito di uomini e menti libere che costruiscano un’avanguardia.

Un intervento appassionato il tuo…

Ci ho messo l’anima, perché la posta in gioco è roba da far tremare le vene ai polsi.  Mentre stiamo parlando, oggi in Italia oltre il 40% dei giovani non ha un lavoro. Credo che sia arrivato il momento di dire chiaramente che si possono fare tutti i provvedimenti del mondo, chiamarli con il più figo dei nomi inglesi, come ha fatto Renzi, ma se non si decide in modo strutturale di liberare risorse per gli investimenti, se non si rende vantaggioso ai fini fiscali per un’impresa assumere un giovane dai 24 ai 30 anni, se non si istituisce un fondo governativo per l’auto-imprenditorialità, tutto rimarrà chiacchiere al vento di uno straordinario venditore di fumo.

Ti candidi a guidare la generazione di quelli che non scappano?

Sono mille le sfide che Gioventù nazionale vuole caricarsi sulle spalle per cambiare la narrazione di questi tempi,  nei quali ai giovani è stato fatto credere che sia ambizioso andare a farsi sfruttare in un ristorante londinese. Noi abbiamo il dovere di cambiare e di raccontare con i fatti che esiste un’alternativa. Come dimostra la storia di Giuseppe, che ha deciso di rimanere nella sua Puglia e di aprire un’impresa agricola. Come dimostrano Alessio e Nunzio:  giovani soldati poco più che ventenni, sono partiti in missione, lontani dalle loro case e dai loro fratelli di vita, perché servire la Patria è per loro una vocazione. Il futuro della nostra nazione è nelle mani di ragazzi normalissimi, che riescono a fare cose straordinarie. “Tra vent’anni – diceva Mark Twain –  sarete più delusi per le cose che non avete fatto che per quelle che avete fatto. Quindi mollate le cime. Allontanatevi dal porto sicuro. Prendete con le vostre vele i venti. Esplorate. Sognate. Scoprite”.