Ascolti, Morandi ha battuto il “milionario” Fazio. Ma non si può dire…

I vertici della Rai, con Mario Orfeo in testa, cantano vittoria, sollevati dal risultato del “milionario” Fabio Fazio nel suo debutto. Un modo fin troppo ostentato di festeggiare quella che in realtà è stata una sconfitta clamoroso del superstipendiato conduttore della Rai, che con la prima puntata di “Che tempo che fa” è stato battuto dalla fiction di Gianni Morandi “L’isola di Pietro”.

Ascolti, i veri numeri del flop di Fazio

Le fanfare dei media, guidate dalla sapiente regia della Rai, hanno annunciato la grande vittoria di Fazio, con 5 milioni di spettatori e uno share del 20,82%, contro “L’isola di Pietro” di Morandi, vista su Canale 5 da 4.654.000 telespettatori pari al 20,21% di share. Numeri da leggere bene. Quei dati sono relativi alle prime due ore del programma, la cosiddetta prima serata, mentre il dato medio della trasmissione, con ospiti di primo piano, da Morricone a Fiorello, oltre alla solita Littizzetto, fino al “tavolo” gestito da Fazio con Elio Germano e Miriam Leone dopo 22.30, fa registrare un ascolto netto, medio, di quattro milioni e mezzo pari al 19.80% di share. Ben al di sotto del dato medio della fiction con Gianni Morandi in veste di pediatra, seguita da una platea di circa 4.7 milioni di spettatori con uno share vicinoal 21%. Eppure, leggendo i siti Internet dei principali giornali, si assiste alla passerella di Fazio, che oltre a essere pagato a peso d’oro, dimostra anche la solita arroganza, visto che nella sua trasmissione ha ironizzato sui sui presunti compensi, facendo la vittima e cercando di passare per un perseguitato. Un perseguitato da 12 milioni  all’anno… “Mi hanno detto di tutto sul mio contratto…”, ha scherzato, paragonandosi al dittatore Kim Jung-un: “A un certo punto pensavo di averli tirati io i missili”. E intorno a lui, tutti a ridere.