Allarme bottiglie d’acqua minerale, il ministero: in alcuni lotti c’è un batterio pericoloso

Allarme bottiglie di acqua minerale effervescente: la segnalazione di un possibile rischio di contaminazione da Pseudomonas Aeruginosa arriva direttamente dal ministero della Salute, diramato attraverso la diffusione di una circolare, e riguarda diversi lotti – otto in particolare, per l’esattezza – e come riporta dettagliatamente il sito del Messaggero in queste ore, commercializzati con i marchi Cutolo Rionero e Eurospin Blues, entrambi di effervescente naturale. Per alcune di queste confezioni, infatti, esisterebbe il rischio da contagio di un batterio che piò risultare pericoloso per la salute dell’uomo.

Allarme bottiglie d’acqua minerale italiana

Sul sito del ministero sono elencati i codici delle confezioni all’indice, ed è specificato che l’allarme riguarda confezioni di bottiglie d’acqua da un litro e mezzo e da un litro che il dicastero della Salute esorta i consumatori a controllare e a riconsegnare eventualmente al punto vendita in cui i lotti sono stati acquistati. E allora, come riporta il sito del quotidiano capitolino, l’allerta – segnalata oggi sul sito del ministero – potrebbe risalire invece al 5 settembre scorso, quando dal Belgio sarebbe scattata un’altra segnalazione, sempre relativa ad acqua minerale di origine italiana, contaminata da Pseudomonas.

Che cos’è lo “Pseudomonas Aeruginosa”

Lo Pseudomonas aeruginosa è un un piccolo batterio diffuso in maniera “ubiquitaria” nel suolo e nelle acque. Predilige gli ambienti umidi – da qui il suo possibile annidamento nelle confezioni di minerale effervescente – e produce infezioni soprattutto nei pazienti ospedalizzati, predilingendo quelli debilitati e immunocompromessi. Detto questo, senza troppe differenziazioni e specificazioni particolareggiate di sorta, va detto che lo stesso sito del ministero della Salute esorta a evitare di incorrere in rischi in generale e controllare le bottiglie: l’eventuale contaminazione con il batterio, infatti, può rappresentare una minaccia importante per la salute dell’uomo.