Totò conquista la Scozia: successo di “Un principe in frac” al Festival di Edimburgo

Totò supera i confini nazionali e conquista anche la Scozia. È accaduto a Edimburgo, in concomitanza con il Fringe Festival. In questo contesto si è tenuto il primo evento dell’associazione #centocentoitaliano. Con l’occasione sono stati presentati alcuni spezzoni della rappresentazione teatrale, “Un Principe in Frac”, che si terrà a Napoli al Teatro Posillipo da fine settembre. Si è voluto così, attraverso un’ icona nazionale come Antonio de Curtis, risvegliare l’animo culturale di tanti connazionali all’estero e soprattutto promuovere il Made in Italy sotto il profilo culturale. «L’associazione e i suoi componenti – si legge in una nota di centopercentoitaliano – credono vivamente che il risveglia culturale possa essere da volano per una svolta politico-sociale della nostra amata Italia». 
 

Totò interpretato da Yari Gugliucci

 
L’attore Yari Gugliucci, il regista Aldo Manfredi ed il produttore Daniele Urciolo, in collaborazione con l’associazione Centocentoitaliano, hanno trascorso 3 giorni nella capitale scozzese andando in scena su diversi palcoscenici coinvolgendo migliaia di spettatori. Tra gli ospiti, Gianluigi Cassandra, avvocato italiano da anni residente a Manchester e la politica scozzese Amy-Mcnee, quest’ultima premiata dall’associazione come la politica più vicina ed interessata alla cultura italiana. L’attore salernitano Yari Gugliucci, interprete di numerose fiction, visto di recente al cinema nel film di Alessandro Siani “Mister Felicità, ama ripetere che «paradossalmente», trova «più facilmente occasioni di lavoro all’estero che in Italia». Il Festival di Edimburgo è stata l’ennesima conferma, a dimostrazione che la fuga dei talenti è iniziata anche nel mondo della cultura e dello spettacolo.