Terremoto, un anno dopo: nelle Marche un milione di tonnellate da smaltire

«Ad un anno dal terremoto (avvenuto il 24 agosto) i numeri del disastro sono drammatici. Per quanto riguarda le macerie la stima è che ce ne siano oltre 1 milione e 87 mila tonnellate su un totale di 53 comuni marchigiani. Di queste ne sono state rimosse soltanto 71 mila (meno del 7%). Il fabbisogno stimato di casette per le Marche è di 1870 e ne sono state consegnate poche decine. Sono oltre 10mila le verifiche di agibilità ancora da effettuare sugli edifici pubblici e privati. Sono migliaia i cittadini marchigiani che passeranno anche questa estate lontani dal proprio paese e dalla propria comunità. Sono 341 le scuole inagibili (circa il 35% del totale) pertanto molti studenti e le loro famiglie saranno costretti nell’ormai prossimo mese di settembre a vivere un anno scolastico pieno di disagi e precarietà. In questa situazione la Regione Marche invece di occuparsi dei problemi dei cittadini e delle imprese continua ad inanellare esempi di pessima amministrazione». Lo afferma Marcello Fiori, coordinatore del settore Enti locali di Forza Italia.

Terremoto: lo scandalo degli sms solidali 

«Dopo lo scandalo dei fondi raccolti con gli sms grazie alla generosità degli italiani utilizzati per improbabili piste ciclabili – aggiunge l’esponente azzurro – ora viene nominato il fratello della vicepresidente della Giunta regionale nonché assessore ai Lavori pubblici quale responsabile dell’ufficio per la ricostruzione post terremoto per le province di Ascoli e Fermo. Oltre alla violazione delle regole del buon senso appare anche palese la violazione della normativa anti corruzione legata all’inconferibilità degli incarichi a parenti e congiunti». «Noi – conclude Fiori – agiremo in tutte le sedi per far ritirare l’incarico e denunciare alle autorità competenti i comportamenti di pessima gestione messi in atto dalla Giunta regionale delle Marche».