Silvio Berlusconi è sicuro, a gennaio si torna alle urne: «Sono pronto»

Il centrodestra è pronto ad andare alle urne anche molto prima del periodo prefigurato per la prossima primavera. I sondaggi da mesi sono rosei sia per la coalizione sia per i singoli partiti, da FdI e Lega a Forza Italia, in costante crescita. Dunque, si scalpita per tornare alle urne dopo tre governi non votati dagli italiani e decisioni prese a tavolino, con la partecipazione popolare mandata in soffitta. Il responso vero è molto atteso e si fa strada l’ipotesi che le urne potrebbero aprirsi presto, a gennaio, molto prima della scadenza di primavera, com’era nelle previsioni di questi mesi.  Berlusconi ne è convinto. Non c’è solo Sicilia, nella sua agenda, dunque. Il leader di FI sembra convinto, come riporta un retroscena su Libero poi rilanciato da diversi siti che il momento della verità sia vicino. «Il leader di Forza Italia ha una convinzione piuttosto netta: si tornerà alle urne a gennaio», si legge. «Una circostanza confermata in una qualche modo anche dal democratico Ettore Rosato, vicinissimo a Matteo Renzi, il quale ha affermato: “Difficile che dopo la legge di Bilancio ci siano le condizioni per proseguire la legislatura con una maggioranza coesa”. Il che, non tanto velatamente, significherebbe, appunto, voto a gennaio». Ecco, allora che il voto siciliano sarà una prova del nove sulla quale puntare tutte le energie e l’equilibrio della coalizione in vista di un gennaio di fuoco, dopo l’approvazione della legge di bilancio. 

Il centrodestra scalda i muscoli. Berlusconi batte la carica

Silvio Berlusconi, dopo l’accordo in Sicilia con Lega e Fratelli d’Italia, si prepara a incontrare Giorgia Meloni e Matteo Salvini per gettare le basi di una coalizione di centrodestra che è già uscita vittoriosa dalle ultime elezioni comunali di inizio estate. «E che ha buone chance di vittoria anche a livello nazionale», si legge sulla Stampa. Quindi, la tabellina di marcia sembra essere la seguente. Lunedì prossimo l’agenda di Berlusconi sarà riservata a Mediaset e a come rintuzzare l’attacco dei francesi di Vivendi. Berlusconi consulterà la famiglia e l’avvocato Niccolò Ghedini. Da martedì in avanti, ogni giorno potrebbe essere buono per il  summit con Salvini e Meloni. Gli sviluppi drammatici dell’emergenza immigrazione, le soluzioni adottate dal governo che improvvsamente adotta ricette da tempo segnalate dal centrodestra, sempre inascoltat; la chisrezza sempre invocata sulla sicurezza, sulle politica abitative e molti altre emergenze stanno dando ragione alla coerenza delle posizione di Berlusconi e di tutto il centrodestra. Per gennaio il centrodestra è pronto.