Rogo cancella la scritta Dux sul Monte Giano: denunciato l’autore del gesto (video)

Le fiamme che hanno devastato il monte Giano hanno anche cancellato la gigantesca scritta “Dux” formata da 20mila abeti piantati nel 1939 in omaggio a Benito Mussolini. Nonostante il lavoro dei vigili del fuoco, da tre giorni impegnati a spegnere il rogo, infatti, la montagna sopra Antrodoco, nel reatino, non smette di ardere e focolai sono oramai divampati tra gli alberi che compongono tutte e tre le lettere. A scatenare le fiamme, a quanto accertato nei dagli uomini del Corpo forestale, sarebbe stato un fuoco accesso per far bollire i pomodori, sfuggito al controllo dell’autore, che è poi stato denunciato. Ogni inverno, con le prime nevicate, con il cielo limpido  nonostante i 90 chilometri di distanza la scritta Dux appariva nitida anche da Roma, agli occhi di chi si affacciava dal Gianicolo o da Monte Mario.

dux

Il Monte Giano celebre grazie al “Dux” Mussolini

Il Monte Giano si trova in provincia di Rieti a nord-est di Antrodoco e domina, da 1300 metri, la parte bassa delle Gole del Velino che lo separa dal massiccio del Terminillo a ovest, con il gruppo montuoso del Monte Nuria a sud e quello di Monte Calvo a est, mentre verso nord-est guarda verso la Piana di Cascina e i Monti dell’Alto Aterno. Sul versante ovest, la scritta “Dux”, composta da alberi di pino e visibile da diversi chilometri di distanza avvicinandosi ad Antrodoco sulla via Salaria. La pineta, di circa otto ettari era composta da circa 20.000 pini e venne realizzata dalla Scuola Allievi Guardie Forestali di Cittaducale nel 1939, con il contributo di numerosi giovani del posto, come omaggio a Benito Mussolini. La scritta era visibile anche da Google Earth. 

dux-da-google-earth

 

dux-innevato

Dietro il rogo che ha distrutto Dux c’è anche l’incuria   

Negli anni passati, tra incuria e incendi nonché l’aggiunta di altri abeti, la scritta rischiò più volte di scomparire. La discussione sulla scritta Dux arrivà addirittura in Parlamento, dove furono presentate due interrogazioni. Tutto questo a causa di una delibera regionale che ha stanziato circa 135.000,00 euro per la manutenzione della pineta. Pineta che da molti anni non riceveva alcuna manutenzione. Gli abitanti di Antrodoco avevano segnalato in più occasioni il pericolo d’incendio, per le sterpaglie che sono cresciute spontaneamente sul terreno. Incendio che si è puntualmente verificato.