Orrore a Milano, ottantenne violentata nel parco: c’è l’identikit dello stupratore

Una donna di 80 anni è stata violentata in pieno giorno mercoledì vicino a un parco alla periferia Nord di Milano. L’indagine, condotta dalla Squadra Mobile della Polizia è al momento focalizzata sulla ricerca di eventuali testimoni che potrebbero aver notato l’aggressore e fornire una sua descrizione: «Dovrebbe trattarsi di un cittadino straniero – scrive il Corriere della Sera – o all’apparenza straniero, ma su questo punto non ci sono ancora conferme». Secondo il quotidiano Il Giorno la signora «ha dato informazioni ritenute molto importanti sull’identità della persona che l’ha aggredita». Da una prima ricostruzione «sembra che l’uomo si sia presentato alla vittima con una scusa, si sia offerto di aiutarla in qualche modo e abbia cercato di conquistare la sua fiducia prima dell’aggressione. Una delle poche certezze, al momento, è che l’uomo ha incontrato la signora per caso e all’inizio non si è mostrato minaccioso».

La violenza sessuale a Parco Nord di Milano

«L’agguato – si legge nell’articolo del Corsera – risale alle prime ore della mattinata di mercoledì e sono stati i soccorritori dell’ambulanza, insieme ai medici del pronto soccorso, a capire che non si era trattato di uno scippo o di un tentativo di rapina, ma di un’aggressione a sfondo sessuale». L’anziana, ricoverata in un primo momento al vicino ospedale Niguarda, è stata poi trasferita alla clinica Mangiagalli e qui affidata al personale medico specializzato nell’assistenza alle vittime di violenze sessuali. «La signora – scrive ancora il quotidiano di Via Solferino – è arrivata in ospedale in un pesante stato di choc, ma sarebbe comunque riuscita a dare una qualche indicazione utile sul profilo dell’aggressore».