Nigeria, gli islamici di Boko Haram mettono a ferro fuoco un villaggio

Presunti membri del gruppo terrorista islamico nigeriano di Boko Haram hanno ucciso sette persone in un attacco ad un villaggio nella Nigeria nordorientale, regione abitata in maggioranza da islamici, come ha riferito un funzionario. I terroristi hanno fatto irruzione nel villaggio di Milda, nello Stato dell’Adamawa, ha detto il capo dell’amministrazione locale Muhammad Yusuf. “Diversi uomini armati sono arrivati di notte, hanno cominciato a sparare e a dare fuoco alle abitazioni”, ha aggiunto. Sei persone sono state uccise sul colpo, mentre l’ultima vittima è morta per le ferite riportate. Boko Haram rappresenta una minaccia costante per le comunità del nord-est della Nigeria e ha compiuto vari attacchi anche negli stati vicini, tra cui il Ciad, il Niger e il Camerun. L’obiettivo del gruppo terroristico è quello di imporre un’interpretazione severa e stretta della legge islamica, la Sharia. Nell’area, dal 2009, almeno 14mila persone sono morte per mano dei fondamentalisti sunniti e, stando ai dati delle Nazioni Unite, quasi 3 milioni di abitanti hanno abbandonato le proprie case. Boko Haram è un gruppo terrorista feroce, che ha collegamenti con l’Isis e al Qaida africana, e che cerca di imporre la sharia su tutta la Nigeria musulmana.