Nave Iuventa, lo scandalo delle chat con gli scafisti. «Volevano sfuggire alla GdF»

Il Mediterraneo era “cosa loro”. Cone si legge in un’inchiesta pubblicata su Repubblica, volevano creare un “coordinamento parallelo in mare, con altre Ong, ritenendo che il centro nazionale di Roma non fosse in grado di fare il proprio lavoro e trovavano ogni scusa per mettersi in contrasto con loro”. A costo di “creare l’incidente” con la Guardia costiera libica. Un “pericolo” per salvati e soccorritori. I giovani volontari tedeschi della Jugend Rettett, con quella “bagnarola malandata”, dovevano stare sempre in prima fila nel recuperare i migranti, sul filo delle 12 miglia se non ancora oltre, tanto da dire un deciso no alla proposta lanciata da Msf e Save the Children di un arretramento di tutte le navi umanitarie sulla linea delle 24 miglia. Come si legge su Repubblica, le parole del medico italiano Stefano Spinelli, ex coordinatore della onlus “Rainbow for Africa” per un periodo presente a bordo e poi dissociatasi dall’operato della Iuventa, tracciano il ritratto di un team il cui modus operandi, poi documentato da un agente di polizia sotto copertura, sarebbe stato quasi sempre spregiudicato, imprudente e segnato da modalità illecite come scrive il gip di Trapani Emanuele Cersosimo nel decreto di sequestro della nave che, bloccata mercoledì a Lampedusa. Intercettato, si legge su Repubblica,  in una lunga conversazione con una collega, Spinelli racconta di una riunione a Roma a maggio tra tutte le Ong in cui Msf e Save the Children propongono di arretrare le navi a 24 miglia dalla costa libica. «Hanno risposto che la proposta è inaccettabile perché stare alle 24 miglia vuole dire non soccorrere nessun migrante. “No, niente, noi dobbiamo stare in prima linea”. Ma io sinceramente di mettere un team sanitario a bordo di una nave che poi attivamente cercherà l’incidente non lo voglio. Anche perché, secondo me, è dannoso per tutte le Ong che sono in mare». Sono i giorni in cui, sulla linea delle 12 miglia, una motovedetta libica apre il fuoco mentre l’altra nave tedesca Sea Watch sta soccorrendo un gommone. E “Rainbow for Africa” scende dalla Iuventa.

Ong, la nave Iuventa: i contatti su Whatsapp 

Della nave tedesca, si legge ancora su Repubblica,  “temeraria sempre in prima fila” parlano tra di loro, intercettati, anche i componenti della ditta di security che opera a bordo della Vos Hestia, la nave di Save the Children che spesso si ritrova ad operare accanto a Iuventa. Sono loro, dopo la denuncia degli episodi “sospetti”, a parlare di una sorta di chat su Whatsapp tra i team leader delle navi umanitarie su cui arriverebbero le segnalazioni dei barconi da soccorrere. In attesa di un nuovo interrogatorio da parte degli investigatori dello Sco, i due così conversano: «Loro vogliono sapere se hanno contatti diretti e il guadagno che hanno facendo questa cosa qua», «Io gli ho detto: c’era una community, una chat, una cosa del genere… so che c’era però a me non mi hanno mai permesso neanche di vedere chi ne facesse parte… non ho mai visto il comandante vedere quella chat, so che ce l’aveva e arrivava sul telefono dei team leader di Save the Children». E ancora: «Certo! Ma non ti hanno chiesto la stranezza del fatto che noi ci recavamo nel posto e trovavamo il gommone?». «A me hanno chiesto come andavamo. Io gli ho detto: 1) era la Capitaneria che ci mandava 2) alcuni si incontravano per la strada perché c’era un periodo che c’era sempre pieno 3) arrivava sta chat e noi andavamo perché arrivava la segnalazione in sta chat». Una chat sulla quale, sempre secondo i due operatori della security, sarebbero spesso arrivati i messaggi del sacerdote eritreo Don Mussie Zerai, da sempre punto di riferimento in Europa degli eritrei che tentano la traversata. «La chat c’è ma la usiamo solo per tenerci informati sulle nostre operazioni. Non sono mai arrivati messaggi dalla Libia», spiega Riccardo Gatti di Proactiva Arms.