Mosca, sparatoria in tribunale durante un processo: almeno tre i morti

Sparatoria durante un processo nel tribunale regionale di Mosca. Da tre a quattro le vittime, a seconda delle fonti, che sono ancora contraddittorie. Ad aprire il fuoco cinque dei nove imputati del caso «Gta Gang», accusati di far parte di un gruppo criminale che derubava e uccideva gli automobilisti proprio nella capitale russa. Avrebbero sottratto le armi agli agenti che li scortavano e aperto il fuoco, per poi essere a loro volta colpiti dalle forze di sicurezza. Tre di loro sono morti, altri due sono rimasti feriti. Feriti anche un agente della guardia nazionale e due poliziotti. Il tribunale è stato evacuato.

Gli assalitori hanno strappato le armi agli agenti

«Durante il trasporto in ascensore gli imputati hanno assalito gli agenti e hanno cercato di appropriarsi delle loro armi – ha spiegato la portavoce della polizia Tatiana Petrova – Nel tentativo di fuggire dopo il fermo di emergenza dell’ascensore tre degli arrestati sono rimasti uccisi e due feriti». La sparatoria è avvenuta al terzo piano del tribunale. I membri del gruppo criminale a processo, ribattezzati come il videogioco Grand Theft Auto, facevano parte di una banda in azione tra il 2012 e il 2014. Secondo le accuse posizionavano chiodi sulle strade a Mosca obbligando gli automobilisti a fermarsi e una volta che scendevano dalle auto li derubavano e uccidevano. Sono accusati di diciassette omicidi e due tentati omicidi.