Moltissimi giovani hanno dato l’ultimo addio a Niccolò Ciatti a Scandicci

Una chiesa gremita di gente commossa, circa duemila persone, soprattutto giovani, oggi pomeriggio a Scandicci ha dato l’ultimo saluto a Niccolò Ciatti, il 22enne toscano picchiato a morte in una discoteca a Lloret de Mar in Costa Brava. Lunghi applausi hanno accolto il feretro all’uscita dalla chiesa, dove si è radunata una grande folla. Diversi palloncini bianchi sono stati liberati in cielo dagli amici di Niccolò quando il carro funebre si è messo in marcia. Il sindaco di Scandicci, Sandro Fallani, ha proclamato il lutto cittadino. Molti ragazzi e ragazze hanno indossato una maglietta bianca e un foulard al braccio, come aveva chiesto la fidanzata di Niccolò Ilaria, per ricordare un’abitudine del giovane. “Sembra che su Niccolò abbia trionfato l’odio omicida. Ma non possiamo rimanere schiacciati da questa apparente inutilità di tutto. C’è un giudizio per chi ha fatto questo, non degli uomini ma di Dio”, ha detto nell’omelia funebre il parroco di Casellina di Scandicci don Giovanni Paccosi. ”Addio Niccoló, la nostra grande comunità non ti dimenticherà e la Città Metropolitana di Firenze si costituirà parte civile nel processo”. Così in un tweet il sindaco di Firenze, Dario Nardella.