Meloni: “Finalmente l’Europa istituisce gli hotspot in Africa. Lo chiedevamo da anni”

«Dopo anni e anni finalmente ci sono arrivati anche i governanti europei: al vertice di Parigi hanno deciso di istituire hotspot in Africa per identificare sul posto gli immigrati e valutare lì chi ha diritto all’asilo politico in Europa e chi no. Ma non era una proposta xenofoba, populista e impossibile da realizzare? Il tempo ci ha dato ragione. Ora si passi rapidamente dalle parole ai fatti». Lo scrive su Facebook la presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.

Gli hotspot chiamati “campi di accoglienza”

Nella dichiarazione congiunta, i rappresentanti del vertice di Parigi hanno concordato più controlli alle frontiere in Africa; apertura di hotspot in loco (presentati con il termine “campi di accoglienza”) per distinguere tra migranti economici e richiedenti asilo; investimenti per lo sviluppo dei Paesi di origine e programmi di cooperazione mirati a favorire i rimpatri; pacificazione della Libia attraverso “un processo di transizione inclusivo”, come ha sottolineato Macron; revisione del regolamento di Dublino sul diritto di asilo europeo, “visto che non c’è solidarietà in Europa”, ha indicato Merkel; adozione di un codice di comportamento per le Ong che effettuano salvataggi in mare.