Leonardo Pieraccioni: «Genitori prendete a calci in c… i vostri figli»

«Colleghi genitori, uniamoci!». Leonardo Pieraccioni ha scritto un lungo post su Facebook sull’educazione e sui figli che ha subito fatto il giro del web. Oltre 32mila i like e quasi undicimila le condivisioni.   «Se le nostre amorose e moderne spiegazioni sul vivere corretto sono accolte da pernacchie e risatine, risdoganiamo il vecchio e caro “calcio nel culo” dei nostri nonni; non ha mai fatto male a nessuno, anzi!». Questo perché, ha aggiunto il comico toscano, «siamo passati da “mio padre mi fulminava con uno sguardo” a “mio padre se dice di no lo fulmino”». Uno sfogo semiserio, arrivato dopo l’osservazione attenta del comportamento della figlia Martina, ormai di quasi 7 anni. «”Babbo – mi ha chiesto seria la mia – ma se io da oggi faccio tutto quello che mi dici, tu mi potresti pagare?”. La risposta doveva essere un tenero calcio nel culo alla Chinaglia e invece mi è pure scappato da ridere. Due giorni dopo si è lamentata perché reo di averla portata nel “solito ristorante” due volte nella stessa settimana! Altra pedata nel culo mancata. Il risultato potrebbe essere che il passaggio da “simpatica bambina birichina” a “impertinente ragazzetta stronzetta” sia già scritto».

Il post di Pieraccioni sull’educazione

E poi ancora: «Ritorniamo, in qualsiasi modo, a quei bambini educati e felici di ricevere un balocco e non a questi che ne chiedono uno al giorno per poi scordarselo nel punto esatto di dove lo hanno scartato…».Uniamoci,  ha scritto ancora Pieraccioni, «facciamolo per loro. La mia non sta a tavola più delle sue cinque penne al pomodoro. Credetemi, gliel’ho detto in tutti i modi possibili che si rimane seduti finché tutti non hanno finito. La sua risposta è stata sempre alzarsi e andare a giocare. Non ci arriva a parole perché è nella natura ribelle di tutti i bambini fare così? Benissimo: useró il bonus di una terapeutica pedata nel culo, di quel tempo che fu. Un paio a semestre riorganizzeranno sicuramente quei ruoli persi in questo lascivo vivere moderno».

I commenti del web

Numerosi i commenti. C’è chi approva le parole di Pieraccioni e altri che non condividono. Scrive un’internauta: «Anche io sono d’accordo e Pieraccioni mi garba parecchio ma la sua figliola ha delle richieste fuori dal comune per la sua età. Le mie che sono più grandi e tanti bambini che conosco le richieste che ha lei manco gli passano per la testa. Quindi diciamo predicare bene e razzolare…». Un altra scrive: «Addirittura ho visto persone concedere cose molto più importanti… ma fuori da ogni razionalità adulta… solo perché oggi questi bambini molto più intelligenti di noi e riescono a capire i nostri punti deboli… In ogni caso penso che per crescere delle ottime persone bisogna essere capaci di dire dei “no”, ma anche essere molto sinceri sulle cose importanti della vita. Ma questo discorso non vale per persone che non riescono a vedere al di là del proprio naso e spesso nei loro sì vogliono pulirsi la coscienza…». C’è anche chi ironicamente scrive: «Leonardo Pieraccioni, se hai bisogno di una pedagogista che ti coadiuvi nella gestione della figlia… c’est moi».