Incendi: Rogo a Villa Piccolo nel messinese, possibile matrice dolosa

I tesori di Villa Piccolo, a Capo d’Orlando (Messina), minacciati questa notte da un incendio. Incendio che per la Fondazione intitolata alla antica famiglia siciliana è “quasi certamente doloso”. La storica dimora del poeta Lucio Piccolo, dove il cugino Tomasi di Lampedusa scrisse molte pagine del famoso romanzo Il Gattopardo, è stata attaccata dai piromani. Ad accorgersi delle fiamme è stato il custode, che insieme al personale della Fondazione ha cercato di circoscrivere le fiamme prima dell’arrivo dei pompieri, “giunti un’ora dopo” denunciano dalla Fondazione. L’incendio ha rischiato di ridurre in cenere lo splendido parco che circonda la Villa, ricco di piante esotiche, una quadreria di grande valore e decine di migliaia di volumi. La Fondazione Piccolo ha sottoscritto nel luglio 2014 una convenzione con l’Esa (Ente di sviluppo agricolo), in virtù della quale la custodia e la manutenzione dell’azienda agricola e del parco botanico della Villa ricadono in capo all’ente regionale, “ma gli operai dell’Esa – denuncia la Fondazione – sono rimasti finanche privi del carburante necessario a mettere in opera i mezzi da lavoro”. La Fondazione Piccolo, che adesso ha presentato una denuncia contro ignoti per l’incendio, si è fatta carico di anticipare le somme necessarie all’acquisto del carburante, “ma i risultati sono stati comunque sconfortanti”.