I “fasci italiani del lavoro” vanno al contrattacco e denunciano la Boldrini

«I miei assistiti hanno ben spiegato come nessuna attività concreta di ricostituzione del disciolto partito fascista sia stata posta in essere, al contrario il movimento ha sempre accettato le regole democratiche, come comprovato dal fatto che la lista presentata alle elezioni comunali di Sermide-Felonica era stata pienamente accettata dalla Commissione Elettorale», L’avvocato degli indagati per violazione della legge Scelba, gli esponenti politici della lista “Fasci italiani del lavoro“, passa al contrattacco e annuncia una memoria difensiva agguerritissima e perfino un esposto denuncia contro Laura Boldrini.

Lo riporta il quotidiano Rovigo Oggi, che intervista  Federico Donegatti, dopo l’interrogatorio di lunedì a Mantova dei nove indagati. Tutto era partito dalla presentazione alle elezioni amministrative di Sermide della lista “I fasci italiani del lavoro”. Formazione che non si presentava per la prima volta, ma che per la prima volta ha eletto un consigliere comunale, la giovane Fiamma Negrini. Secondo l’avvocato Donegatti, il riferimento di Claudio Negrini fondatore del movimento, è sempre stato al fascismo ‘di sinistra’, “il corporativismo, la socializzazione delle imprese, le riforme sociali del Fascismo, la Carta del Lavoro e tutti i pensatori come Berto Ricci, Niccolai, Panunzio, Giano Accame, etc. che sono in questa ottica, senza alcuna ricostituzione del partito fascista”. 

I legali degli indagati stigmatizzano, poi, anche le minacce di cui continua ad essere oggetto Fiamma Negrini, la ragazzina eletta in consiglio comunale: minacce che l’avrebbero costretta a un temporaneo trasferimento in un luogo segreto. «Fiamma Negrini – dice Donegatti a Rovigo Oggi – è solo una ragazza di 20 anni che si è candidata per fare un favore al padre, ignara di tutto il contorno ideologico, come ogni ragazza di 20 anni. Claudio Negrini è un ‘vecchio missino’ che ha come mito Almirante e che si ispira ai principi della Destra Sociale. Il movimento è stato costituito nel 2000 davanti ad un Notaio di Mantova e è rimasto sostanzialmente ‘sulla carta’ tranne le occasioni elettorali. Nulla di tutto quanto è stato dipinto a tinte fosche dalla stampa corrisponde al vero, essendo stato un tentativo per delegittimare i 334 voti ottenuti da Fiamma Negrini e il 10,42% ottenuto». 

Da qui anche l’annunciata denuncia contro la presidente della Camera Laura Bordini, che a detta del legale di Negrini avrebbe determinato un clima di odio, di caccia al fascista e di intolleranza, «nonostante la lista si sia presentata 4 volte in 15 anni, accettando pienamente le regole democratiche».