Florida, nuovo farmaco per le condanne a morte: scoppia il caso

Le autorità penitenziarie della Florida hanno deciso di usare per l’esecuzione di un condannato a morte un farmaco, l’etomidate, mai usato finora per il cocktail delle iniezioni letali. Ma l’esecuzione di Mark James Asay  sarà anche la prima che verrà condotta in Florida di un bianco condannato per aver ucciso un afroamericano. Gli avvocati di Asay hanno cercato di bloccare l’esecuzione sostenendo che l’uso di un farmaco mai sperimentato, e che quindi potenzialmente potrebbe provocare sofferenze, viola l’emendamento della Costituazione che vieta punizioni crudeli ed inusuali. Ma la maggioranza dei giudici Corte Suprema della Florida ha respinto il ricorso, nonostante l’opposizione di un giudice che ha scritto che il condannato viene trattato come «una cavia di laboratorio dell’ultimo protocollo per le iniezioni letali».

Condanne a morte in Forida, le polemiche

Jen Moreno, esperta della task force dell’università di Berkley che si occupa di ricorsi contro le iniezioni letali, ha sottolineato che vi sono “grandi dubbi” sul fatto che l’anestetico che verrà usato svolgerà nel cocktail la funzione che dovrebbe svolgere per evitare sofferenze al condannato. «Lo Stato non ha fornito informazioni sul perché ha selezionato questo medicinale», ha aggiunto. Asay, ex membro di una gang suprematista della prigione che ha una svastica tatuata, è stato condannato a morte nel 1988 per l’uccisione di un ispanico ed di un afroamericano, in delitti considerati razzisti. Il condannato, che ha trascorso 36 anni in prigione, in una recente intervista ha affermato di “non essere più una persona violenta o una minaccia per la società” in un’intervista televisiva.