Fa ridere la nuova campagna Acea anti-spreco: inizi a riparare le perdite…

Fa ridere la nuova “campagna di sensibilizzazione” di Acea, in questi giorni sotto accusa per le captazioni sul lago di Bracciano, con “semplici ma importanti consigli per un uso corretto e consapevole dell’acqua”. La campagna, sviluppata e realizzata, a costo zero, dalla Comunicazione di Acea, partirà il 21 agosto. Acea è chiaramente in seria difficoltà, per le accuse che le vengono mosse di sprecare acqua e di non destinare risorse ai tubi colabrodo della sua rete. Acea incassa i soldi per la vendita dell’acqua ma non manutiene né ristruttura la rete idrica di cui è responsabile. E Acea si difende come può, scaricando le sue responsabilità sul tempo: “Quest’anno l’area metropolitana di Roma, e tutta la Regione Lazio, è stata colpita da una siccità senza precedenti – si legge in una nota di Acea – Le precipitazioni sono state inferiori di circa il 70%, considerando la media degli ultimi tre anni, e le elevate temperature, di frequente oltre i 40°C, hanno fatto il resto: la scarsità d’acqua ha raggiunto livelli decisamente preoccupanti”. “Per ovviare a questa situazione Acea, da maggio, con l’insediamento dei nuovi vertici, ha subito istituito una cabina di regia per monitorare e riparare le centinaia di perdite, occulte e non, presenti nella rete idrica della Capitale”, sottolinea Acea. Quest’ultima affermazione è falsa: le perdite segnalate dagli utenti non vengono riparate nonostante gli utenti richiedano l’intervento dei tecnici Acea. In questo modo si sprecano da mesi milioni di litri, solo perché Acea rifiuta di intervenire. Questa fantomatica “cabina di regia” non sa neanche che succede: consigliamo a questi strateghi di verificare quante richieste di intervento per perdite la cui responsabilità è di Acea vengano evase.