Dramma a Carbonia, una donna muore in casa imprigionata tra le fiamme

Dramma nel Sud della Sardegna. Una donna è morta questa notte nell’incendio della sua abitazione a Carbonia, nella località “Medadeddu”. Annamaria Merola, di 58 anni, non è riuscita a sfuggire alle fiamme, scoppiate attorno alle 4.30, a causa di problemi di deambulazione. La donna infatti era reduce da una frattura ad una gamba e non riusciva a camminare bene, fatto che le ha impedito di scendere al piano terra dall’ultimo piano, dove si trovava per trascorrere la notte. Non è ancora chiaro se sia morta bruciata o soffocata dal fumo perché i vigili del fuoco non sono potuti entrare nella casa a causa delle alte temperature provocate dalle fiamme.

Dramma a Carbonia, incendio in un appartamento

Il rogo, in base ai primi accertamenti, è scoppiato a causa del corto circuito di un condizionatore. Nell’appartamento, in una palazzina di due piani, c’erano anche il marito della donna e i due figli con le fidanzate. Solo le due ragazze hanno accusato malori e sono state accompagnate al pronto soccorso così come uno dei vigili del fuoco intervenuti sul posto che è rimasto leggermente intossicato al fumo. Sul posto anche i carabinieri della compagnia di Carbonia.