Defend Europe in avaria rifiuta ogni aiuto da navi ong: “Facciamo da soli”

La C-Star,la nave di Defend Europe che intende denunciare i traffici tra Ogn e clandestini e impedire i trasbordi e gli sbarchi illegali in Italia, ha avuto un’avaria al motore in acque internazionali tra la Tunisa e la Libia. Secondo quanto ha detto una nave ogn che si sarebbe recata in soccorso, il Mrcc (il Centro di coordinamento dei soccorsi) avrebbe chiesto di andare nei pressi della C-Star, ma secondo altre fonti questa richiesta non ci sarebbe mai stata. In ogni caso quando la nave di una  ong tedesca Sea eye si è avvicinata alla nave di Generazione indentitaria che l’ha affittata, l’equipaggio ha rifiutato ogni tipo di aiuto. L’avaria, a quanto pare, sarebbe di lieve entità e dovrebbe essere risolta nel giro di pochissimo tempo. L’ong tedesca sostiene di essere stata contattata dalla missione Eunavformed, ma la notizia non trova per ora conferme. L’episodio è certo strano. Aspettiamo di sapere cosa è successo dalla C-Star stessa, che per ora ha fatto sapere solo questo: “La C-Star – scrive l’organizzazione – è incorsa in un problema tecnico di lieve entità durante la notte. Al fine di risolverlo prima che la nave navigasse in prossimità di altre imbarcazioni, il motore principale si è spento. Questo comporta che per il regolamento internazionale per prevenire abbordi in mare (Colreg), l’imbarcazione è considerata senza comando, e ciò è stato comunicato alle navi in prossimità, conformemente al regolamento”. Il problema, ha poi concluso Defend Europe, “sta per essere risolto”.