Dati del Viminale: oltre 2300 stupri nel 2017, uno su tre commesso da immigrati

L’estate segnata dalle violenze sulle donne. Sull’onda delle polemiche, nate dopo gli stupri di Rimini su una 26enne da un branco di quattro persone davanti al fidanzato, poi su una trans, l’attenzione mediatica si focalizza sempre più sugli stranieri. Dai dati aggiornati forniti all’Adnkronos dal ministero dell’Interno risultano questi dati.

I numeri degli stupri: denunciati 904 immigrati nei primi mesi del 2017

Le segnalazioni, riferite ai nostri connazionali denunciati o arrestati per delitti commessi nel nostro Paese, sono 1534 nei primi sette mesi di quest’anno contro i 1474 dello stesso periodo del 2016. Mentre le violenze che vedono sotto accusa gli stranieri sono in leggero calo: 904 da gennaio a luglio di quest’anno contro le 909 dello stesso periodo dell’anno scorso (pari al 37% complessivo delle violenze, più o meno una violenza su tre). Dagli ultimi dati risulta, comunque, che il numero complessivo delle violenze sessuali dall’inizio di quest’anno a luglio è diminuito. Nel periodo compreso tra gennaio e luglio 2017 sono state 2333, contro le 2345 denunciate nello stesso periodo dell’anno scorso. Non sono mancati casi “sia da parte di italiani che di stranieri”, dice all’Adnkronos la presidente di Telefono Rosa, Maria Gabriella Carnieri Moscatelli, “per questo più che fare una differenza di cittadinanza direi che il problema è che sta passando un messaggio tremendo di impunità, perché gli stupri in Italia sono all’ordine del giorno”. Anche la vicenda del “post del mediatore culturale nordafricano, che ha scritto lo stupro alla donna piace, è pesantissimo”, conclude la presidente di Telefono Rosa, chiedendosi con amarezza: “Ma come viene scelta certa gente?”.