Bergamo, famiglia rom in trent’anni accumula beni per 50 milioni di euro

È di oltre 50 milioni di euro il patrimonio che, nell’arco di  trent’anni, una famiglia di etnia rom,  “Horvat-Nicolini”, sarebbe riuscita ad accumulare e che è finito al centro di un’inchiesta del Nucleo tributario della Guardia di finanza di Bergamo e del Nucleo investigativo del Comando provinciale dei carabinieri. Sotto la lente il gruppo familiare residente in provincia, composto da 74 persone di cui 41 maggiorenni; questi ultimi dal 1985 al 2015 «non hanno mai svolto alcuna attività lavorativa in maniera lecita», secondo gli investigatori e «hanno accumulato diverse condanne irrevocabili e numerosissimi precedenti di polizia (294 denunce a carico di 37 di loro), di cui il 50% per reati contro il patrimonio (truffe, usure, appropriazioni indebite)».

Sequestrati beni a famiglia rom

Negli ultimi trent’anni hanno «ufficialmente dichiarato redditi per complessivi 117.000 euro circa (mediamente 99,89 euro, cadauno, per ogni anno d’imposta); hanno immatricolato circa 1.600 auto per un valore complessivo di quasi 30.000.000 di euro; hanno acquistato immobili e costruito abitazioni per oltre 10.000.000 di euro; hanno subito accertamenti fiscali da parte dell’amministrazione finanziaria che ha contestato loro la percezione di redditi non dichiarati pari a 6.800.000 euro», precisano le Fiamme Gialle. Al termine degli accertamenti «è stata quantificata in 50.535.000 euro la sproporzione tra i redditi ufficialmente dichiarati dal gruppo familiare e quanto di fatto nella loro disponibilità». Alla luce dei risultati, «tenuto altresì conto della pericolosità sociale» delle persone coinvolte, è stata avanzata alla procura la richiesta di provvedimenti di sorveglianza speciale e di decreti di sequestro preventivo dei beni. A fronte di tale richiesta, il collegio delle Misure di prevenzione del tribunale di Bergamo ha disposto: sei provvedimenti di sorveglianza speciale con obbligo di dimora nel comune di residenza; il sequestro di 1.133.000 euro, corrispondenti a sette immobili, dieci autoveicoli e disponibilità finanziarie in diversi istituti di credito. Inoltre tre persone sono state denunciate per trasferimento fraudolento di beni.