Basta con le persecuzioni telefoniche dei call center. Arriva una legge

Finalmente arriva una legge che dice basta alle persecuzioni telefoniche dei call center con le loro proposte commerciali. «La Commissione Lavori pubblici e Comunicazioni del Senato ha approvato, all’unanimità, in sede deliberante, la legge che modifica le modalità di iscrizione e funzionamento del Registro Pubblico delle Opposizioni, di cui al Dpr 7 settembre 2010, numero 178». Lo comunica in una nota il presidente dell’organismo parlamentare, Altero Matteoli. «Si tratta – spiega – di una nuova legge attesa non solo dai cittadini che non vogliono più ricevere telefonate commerciali ma anche dai tanti lavoratori che operano nei call center e che spesso hanno retribuzioni davvero modeste. Credo che la Commissione, con il contributo di tutti i gruppi parlamentari, che ringrazio  – sottolinea Matteoli – abbia svolto in questi mesi un buon lavoro ascoltando le varie associazioni e le categorie interessate, trovando poi una sintesi normativa che ha portato al voto unanime. Penso che con la nuova legge ci sarà un migliore equilibrio tra i vari interessi: quello dei cittadini a non ricevere telefonate indesiderate e quello delle imprese che potranno utilizzare il telemarketing secondo regole più puntuali».  Matteoli auspica  ora «che la Camera dei deputati, dove la legge sarà ora esaminata, possa approvarla in tempi rapidissimi potendo sfruttare il lavoro preparatorio e istruttorio svolto al Senato».