Assalto al valico di Ceuta: 300 migranti sfondano la frontiera spagnola (video)

Oltre trecento migranti subsahariani sono riusciti a sfondare la frontiera spagnola al valico di Ceuta, l’enclave in territorio del Marocco, eludendo la sorveglianza della polizia dei due Paesi. La stima dei migranti riusciti nello sfondamento del confine è stata fornita dalla Croce Rossa locale. Lo sfondamento si è prodotto al valico di frontiera di Tarajal dove i migranti sono giunti correndo in un gruppo compatto che è riuscito a penetrare in territorio spagnolo fino a Piazza Giovanni XXIII. Diversamente dal passato, quando vi erano stati assalti e scalate delle recinzioni lungo la frontiera, i migranti sono riusciti a entrare in territorio europeo correndo in massa attraverso il passaggio per le auto e i pedoni di Tarrajal attorno alle cinque del mattino.

Tra Ceuta e Melilla passati 3000 migranti in 6 mesi

Secondo il ministero degli interni di Madrid, 10.751 migranti irregolari sono entrati in territorio spagnolo via terra o mare nei primi sei mesi dell’anno, 3.204 dei quali attraverso le enclave di Ceuta e Melilla. Il passaggio era a quel momento sguarnito perchè le guardie di confine spagnole e marocchine erano in gran parte impegnate a rafforzare la recinzione, avendo avuto una soffiata su un possibile tentativo di arrivo di massa dei migranti. Martedì scorso altri 73 migranti erano riusciti a superare la recinzione, alta sei metri.