Ecco perchè Ciccio Kim è diventato il nuovo mostro di Loch Ness

Ciccio Kim è il nuovo mostro di Loch Ness. In questa calda estate 2017, lo sbruffone nordcoreano, tenuto in piedi dai cinesi, si è guadagnato il titolo. Mostro di Loch Ness moderno, Kim Jong-un, in arte Ciccio Kim, è riuscito a catalizzare l’attenzione ferragostana dei media di mezzo mondo con le sue fantasmagoriche cazzate travestite da minacce. Nessuno (che abbia un minimo di cervello) ci crede, ma tutti ne parlano. Perchè non c’è altro, perchè c’è caldo o anche solo per sviare il popolo bue dalle questioni vere e serie. Nell’era dei social, della connessione ovunque e dell’apparire comunque, questo Ciccio Kim ha pure un gran bel vantaggio: la sua Corea del Nord -avuta in eredità da un nonno sanguinario e un padre completamente pazzo-  è connessa a singhiozzo. L’accesso a internet è abbastanza fruibile per le élite locali che pare si dilettino coi video cinesi in streaming e giocando online, mentre è limitatissimo per il popolo cui vengono venduti smartphone con servizi in rete minimi, in grado sostanzialmente solo di inviare e ricevere telefonate e sms, e soltanto col provider locale Koryilink. In questo modo il buon Ciccio Kim ha tutto sotto controllo e per rimanere in sella usa il vecchio metodo del bastone e della carota: una fucilazione qua, una cliccata là. Se davvero fosse un pericolo ci vorrebbe assi poco a sbarazzarsene. Ma con un Occidente bulimico di paure e di sensazioni forti ecco che il paffuto cazzaro assurge a pericolo mondiale. Pericolo della bomba. Pericolo della guerra totale. Ecco il nuovo mostro di Loch Ness! Ogni giorno di questo agosto infuocato su internet e in tv Ciccio Kim giganteggia col suo sorriso tontarello e le immancabili immagini dei lanci di missili con gli applausi della cricca al suo fianco. L’ultima balla è la possibilità che i nordcoreani possano dotare una testata di ogiva nucleare e colpire gli americani di stanza sull’isola di Guam. Supidaggine ripetuta che perciò diventa pian piano possibilità concreta. Un bluff. Buono per vari usi. Buono per l’amministrazione Trump che contrasta con questo fake le fake news sul Russiagate. Buono per giornaloni e tele-visioni che possono così riempire pagine e programmi di nulla. Buono per chi sta disteso in spiaggia o sotto l’ombrellone e non può parlare solo di Calciomercato. Buono per tutti Ciccio Kim: il nuovo mostro di Loch Ness!